Romagnano Sesia

Pesca

La Pesca un arte senza confini e uno sport. Un passa tempo e un momento di relax. Un attività che in base a come la interpretiamo può assumere un aspetto diverso. Purtroppo è comune pensare che pescare sia una pratica poco interessante perchè monotona aspettando che un pesce abbocchi all’esca. La verità è che se vogliamo catturare un pesce dobbiamo capire come insidiarlo, preparare lenze, attrezzature, esche, pasture e tutto il necessario perchè la nostra attività sia la più proficua. Non basta certo una cannetta qualsiasi con un’esca qualsiasi. Ogni ambiente ha le sue peculiarità e ogni pesce ha le sue caratteristiche. Un lago può presentarsi molto vasto e profondo con correnti assenti o deboli, un fiume può essere stretto o largo con correnti forti o variabili. Tutti questi fattori sono fondamentali per capire dove può stazionare il pesce che tenteremo di catturare. Un altro fattore importante sono le stagioni. I pesci si comportano in maniera diversa da specie a specie e spesso mutano anche con l’aumentare dell’età. Ci sono pesci che depongono le uova in primavera, alcuni in inverno. Ci sono pesci come le carpe che amano l’acqua calda e pur essendo pesci di fondo, è possibile trovarle in superficie nei periodi estivi. Le trote ad esempio al contrario delle carpe, d’inverno risultano molto attive, si possono trovare sulla superficie e sono sempre in cerca di acqua fresca e ossigenata. In estate invece si portano sul fondo in cerca di correnti o sorgenti d’acqua fresca. Ecco perchè esistono i periodi di chiusura e di divieto di pesca di alcune specie: importante perchè i pesci si riproducano è lasciarli deporre le loro uova e non disturbarli in questi periodi così delicati per loro.
La pesca nelle acque italiane è soggetta a delle leggi e a dei regolamentati dalle regioni e nello più specifico dalle province. Vi esorto quindi prima di andare a pescare, di consultare il sito della vostra provincia per capire quali siano i vari regolamenti e quali i permessi che occorrono.
Il mondo della pesca è talmente vasto e complesso che è impossibile essere a conoscenza di tutto, condizionato dalla continua evoluzione dei materiali e delle attrezzature, lo studio delle tecniche, delle tattiche e degli approcci sono uno studio approfondito continuo.
Esistono varie tecniche di pesca che si possono usare in fume, laghi e per insidiare determinate specie di pesci. In questo sito web potrete trovare il Ledgering, la Trota Lago e alcune cose sulla Pesca al colpo e sullo Spinning. In questi anni di pesca ho provato queste tecniche e ho deciso di scrivere alcuni appunti, che magari potrebbero essere utili a chi si approccia alla pesca.
Le mie esperienze di pesca iniziano nell’autunno del 2006, portandomi ad affrontare con impegno questa mia nuova passione. Il primo approccio con la pesca alla trota in laghetti sportivi e successivamente in acque libere mi hanno portato ad affrontare tecniche quali lo spinning, la trota laghetto (striscio, tremarella) e la pesca al tocco nei torrenti. Il problema principale di queste tecniche è che la trota risente molto della cattura e spesso viene obbligato il non rilascio del pescato e non si può mangiare tutti giorni pesce.
Il desiderio di affrontare nuove avventure e provare nuove emozioni mi hanno spinto a provare altre tecniche quali la pesca al colpo con la bolognese e il ledgering per insidiare pesci più smaliziati quali i cavedani e prede di maggior spessore come le bellissime e maestose carpe e il mitico predatore, Mr Esox, il Luccio.
Ho imparato in questi anni di esperienze che nella pesca ci vuole precisione e tanta preparazione. Bisogna saper interpretare acque, correnti, temperature, situazioni per poter impostare correttamente l’azione di pesca. Importantissimi i materiali e le attrezzature che possono fare la differenza. Voglio puntualizzare però che spesso, al contrario di quel che si pensa, una canna o un mulinello super costosi, non fanno il grande pescatore. Ci sono attrezzature che hanno qualità/prezzo abbordabile per tutti offrendo tutto quello che occorre per ottenere ottimi risultati. Ci sono fattori, quali la bravura e la fortuna che sono molto più importanti.
L’esperienza, come in tutte le cose ha un ruolo fondamentale: una conoscenza diretta in lunghe e faticose sessioni di pesca portano ad affrontare gli errori e correggerli migliorandoci. Ho trovato importantissimo partecipare a competizioni e a gare per confrontarmi con gli altri, imparare dai miei errori, da quelli degli altri e nel frattempo carpire le strategie e le impostazioni corrette di chi fa bene.
Una cosa che ho imparato a mie spese e che consiglio veramente è di stare attenti quando cercate canne e mulinelli: in molti forum e in molti siti web ci sono discussioni su materiali, attrezzature e oggetti vari che però spesso sono forvianti. Cercate molte opinioni sull’oggetto che volete acquistare, sentite più voci e magari provenienti da luoghi diversi. L’acquisto va fatto sicuramente in base al budget di spesa, ma non spendete poco, per comprare cose che poi verrebbero abbandonate subito. Meglio spendere un po’ di più e sfruttare maggiormente.
Nelle prossime pagine troverete molti articoli e report interessanti, che potrebbero esservi d’aiuto quando andrete ad affrontare le vostre sessioni di pesca.
Per qualsiasi dubbio inerente alle tematiche qui trattare non esitate a contattarmi tramite l’apposito modulo che trovate a questa pagina .
Come pescatori, vi esorto a rispettare tutte le norme vigenti, segnalare abusi, rispettare l’ambiente in cui pescate, lasciando sempre pulito il luogo di pesca e cercando di trattare al meglio il pesce quando questo verrà rilasciato. Il pesce se trattato bene, con le dovute cautele, slamato correttamente (consiglio l’uso di ami senza ardiglione), riossigenato, continuerà a vivere tranquillamente.
In bocca al lupo e buon divertimento!

Fermodellismo Elettronica Pesca e tanto altro…